DeTelegraaf for iPad

DeTelegraaf for iPad

Finalmente l’iPad e’ sbarcato anche in Italia, e l’App Store si e’ subito popolato delle applicazioni delle maggiori testate giornalistiche italiane, oltre che di qualche rivista.
Provate a scaricarne qualcuna, scegliendo tra Repubblica, Il Corriere della Sera, La Gazzetta dello Sport, Il Foglio, L’Unione Sarda, Mac Magazine (ma ve ne sono altre, che non abbiamo scaricato e provato dato che ci son bastati gli snapshot per capire dove saremmo andati a parare): sono tutte esattamente uguali (con La Repubblica che si distingue leggermente dal gruppo).
Non c’e’ nulla di male a che le applicazioni siano uguali, se non fosse che esse sono ben lontane da quel che dovrebbe essere un’app per iPad.

Escludiamo per ora dal gruppo l’app di Repubblica, che merita una trattazione a parte (e una stelletta in piu’ nel rating Apple, cosi’ permettendo di elevarsi dal mediocre 2 stelle alla sufficienza). Le altre si mostrano al pubblico come dei visualizzatori di PDF o meglio di PNG. Optiamo per la seconda scelta, dato che sono app abbastanza veloci (unico vantaggio) ma che di fatto si comportano come dei visualizzatori di un’unica grande immagine sulla quale sono impressionate tutte le pagine del giornale. Quindi la meravigliosa esperienza sensoriale che avrete leggendo questi giornali online sara’ semplicemente lo scroll e lo zoom lungo questo enorme foglio elettronico.
Un po’ poco, soprattutto se si confrontano queste app con quella del New York Times Editor’s Choice, quest’ultima si’ che rende giustizia all’iPad.
Si distingue leggermente La Repubblica +, forse un po’ piu’ lenta nel caricamento, ma che almeno permette di aprire l’articolo nella sua interezza (ahime’ senza immagini, ahime’ senza i link nel caso di rimando alla prima pagina, ahime’ con la disposizione a due colonne e scroll verticale, quando invece la lettura sarebbe facilitata se impostata a libro, si vedano nuovamente NYT o l’app iBooks) e con qualche contenuto multimediale (una bella galleria fotografica, un video).
A nostro avviso queste app cosi’ fatte avranno vita difficile quando i contenuti diventeranno a pagamento, cosa necessaria affinche’ il business dell’editoria sull’iPad diventi profittevole per gli editori. Attualmente forse il business l’hanno fatto i produttori di questa app (trattasi di una start-up italo-californiana) ma di certo non hanno un reso un gran servizio ne’ all’iPad ne’ alle testate nostrane. Questi ultimi da biasimare certamente, poiche’ presi dalla fretta di uscire per primi e del tutto incapaci di capire le potenzialita’ dell’iPad.
Il nostro auspicio e’ che queste applicazioni vengano aggiornate (oserei dire: rivoluzionate) il piu’ presto possibile e ben vengano le fotocopie, ma che non si presentino ancora sullo schermo dell’iPad le fotocopie delle pagine del giornale.

Il Foglio su iPad

Il Foglio su iPad