i3Factory World

Your Iphone, iPad & Android Application Factory

Browsing Posts in News

Sony Playstation App per Iphone

Nel suo Blog la Sony ha appena annunciato che sta preparando a lanciare una applicazione ufficiale PlayStation per iPhone e iPod touch (link: http://blog.eu.playstation.com/2010/12/16/the-official-playstation-app-coming-soon-to-iphone-and-android-handsets/).

L’applicazione sarà gratuita e sarà disponibile solo nel Regno Unito, Francia, Germania, Spagna, Italia e Olanda nella sua prima release.

L’applicazione offrirà le seguenti caratteristiche:

– Controllare il proprio PlayStation Network trophies e tenersi aggiornati sui giochi e lo stato dei propri contatti online.
– Scoprire gli ultimi giochi, news e hardware per PlayStation 3, PSP e PlayStation 2.
– Leggere tutti gli annunci su PlayStation.Blog europeo.
– Condividere i propri prodotti preferiti o notizie con i tuoi amici su Facebook, Twitter o via e-mail.

L’applicazione richiede iOS 4 o superiore. Una versione per il sistema operativo Android sarà rilasciata. L’ingresso di Sony nel mercato App iOS è interessante data la crescente concorrenza tra Sony e Apple nel mobile gaming.

Accordatore i3F: Nuova grafica Retina per Iphone 4

Guitar Tuner i3F è disponibile in Apple Store al link: http://itunes.apple.com/us/app/guitar-tuner-i3f/id359208061?mt=8

Questa la nuova versione del più semplice e utile Accordatore per Chitarra (Guitar Tuner)
Retina Supporto dei display
Graphic modifiche
Aggiunto centesimi
Mostra la nota per adattarsi
Testato su OS 4.x

Metronomo i3F Nuova grafica per Retina Display iPhone 4

Il Metronomo i3F è disponibile in Apple Store al link: http://itunes.apple.com/us/app/metronome-i3f/id368200682?mt=8

Aggiunto iPhone 4 Retina display grafica
Nuovo stile grafico
Aggiunto gamma di BPM 5-250
Aggiunto fine impostazione BPM

Prototipo interattivo creato con keynotopia

Interactive prototype created with keynotopia

Create interactive prototypes for iPhone, iPad, Android and Web applications in 30 minutes or less, using Apple Keynote & Keynotopia user interface templates.

Over 250 customizable user interface components, meticulously hand-crafted in Apple Keynote.
Click here to visit Keynotopia.


Video Keynotopya in 90 seconds:

Click here to visit Keynotopia.

From Keynotopia Website:
The 5-minute guide to prototyping with Keynote

Every day, we all get lots of good ideas. Most of us, unfortunately, don’t act on these ideas. We create high barriers to entry by imagining how much resources it requires, and how much we need to learn, in order to see it in action. If you know how to put together a prototype of your idea within one hour of getting it, your chances of moving forward are much higher than the ones who will sit down to do market research, write business plans, and hunt for investors. In fact, and this is based on personal experience, your chances of winning a client or receiving investment for your idea are much higher when you can express your ideas with a prototype that you can show along with your presentation. By using a simple, cheap and productive tool like Apple Keynote, you shrink the time required to create an interactive prototype to a matter of hours. And by using ready made prototyping assets, you even shrink that time to less than an hour. When prototyping becomes your second nature, you will no longer talk about your ideas; you’ll show them and test them.

This guide will help you prototype new ideas, or new features in an existing product, in an hour or less: you no longer need to wait for your design and development team to integrate a product feature in order to test it. Take screenshots of your existing product screens and place them in Keynote, then add some user interface components and show how the new feature will work. Bring in some users and see how they interact with the new feature,quickly iterate on it, then share your prototype with your team instead of writing long requirement documents.

The mindset

When creating interactive prototypes, the most important thing to remember is that it’s important to decide what to leave out, and what to include. Prototyping is like magic: you create the illusion of something that doesn’t exist, and that illusion happens in the minds of your audience. Everything else is a distraction. Your prototype is the illusion of your idea in action, and you must approach prototyping with the mindset of a magician or a hacker: it needs to demonstrate your ideas much better than words and pictures can, and it must not include any detail that won’t help that demonstration.

Step 1: Planning

To create your prototype, start by defining the different screens that your apps will show, and how the user will transition between them. I typically do this as a state diagram as shown below (Created on the iPad using Adobe Ideas). You can also create this in Keynote, or any other diagramming tool, but don’t waste too much time make a good looking flow diagram unless you will be using it in a presentation.

The diagram shown above is for a social media application that tracks multiple accounts, and allows me to post updates to multiple networks. As you can see, I represent application screens/states in ellipses and I annotate transitions/arrows with user actions that lead from one screen to another. You don’t need to get every detail of this diagram right, but spend 10-15 minutes going through the difference use cases – It will save you time adding them to the prototype later.

Step 2: Putting together the application screens

If you have a Keynotopia prototyping pack, you will notice it comes with two different files: a .kth, which is a theme file that you can place into <UserName> -> Library -> Application Support -> iWork -> Keynote –> Themes, and a .key file that you can directly open by double clicking. The theme file is ideal for those who want to keep all their assets and application screen in one file. It’s ideal if you’re using Keynote on a laptop, or if you want to move around with a single file that you can later modify on the fly using anyone’s machine (since all the assets you need are embedded in the master slides you use in that file) – The tradeoff is that your file is much bigger, and you need to switch between master/main slides more frequently. The second approach, which is the one I use frequently, is to open the .Key file and place it on a secondary monitor. Then you can quickly switch between your library slides on one monitor and your application slides on the second monitor.

Just like an artist paints distant objects first, then closer ones, start by creating the static components that will be shared among different states of your diagram. This is particularly useful because you will be moving them into master slides later on, and share them across these screens. For the diagram shown above, that would be the “Main Application”, as shown:

Since this is a prototype for an iPad app, I used the iPad Prototyping pack. I grabbed a panel from the panels slide and I pasted it twice roughly to occupy one third and two thirds of the screen. Since these panels are grouped objects, they rescale together nicely. I then grabbed a bunch of list item controls for the list on the left. Double clicking on each list item allows you to edit the text within. Then grabbed a button and search box for the second panel’s toolbar. The images shown in the screenshot are drag and drop from Google image search (don’t worry too much about copyrights, etc.. when you’re creating a prototype – as long as you get different images for the final product). The speech bubble shown is a standard shape in Keynote.

After putting together the main screen, you can move it to a master slide so that you can reuse it in different screens without having to duplicate it or edit it everywhere every time you make a change. To move your screen into a master slide, reveal master slides by dragging the little handler above slide thumbnails, select a blank slide and press CMD+D to duplicate it or CMD+SHIFT+N to create a new master slide. Then paste your components onto that master slide, and give it a name.

You can then go back to your regular presentation thumbnails, create a new slide (CMD+SHIFT+N) and select your new master for that slide.

Next, grab more components from the prototyping pack and start creating other states of the application. For our example, grab the pop-up dialog and place it below your post button. You will notice that most prototyping components are grouped together to make it easier to copy/paste them easily. To resize the pop-up dialog without resizing its content, double click the group over the object you’d like to select – this will allow you to select objects within a specific group without having to ungroup the parent object. You can also have nested groups, but that’s an advance technique that will be covered later on.

The screenshots below show the “show profile pop-up” and “post updates” screens:

Step 3: Adding interactivity

Once all are created, it’s time to define how the user would transition between them. To accomplish this, you go through your state diagram and, for each transition, select the component that users would click to navigate into the next state. With that component selected, select the hyperlink tab in the inspector, and select the target slide.

For instance, the profile image would link to slide 5, containing the profile pop-up dialog. I highly recommend using slide numbers, instead of next/previous slides, since Keynote will preserve these links in the former case even when you move slides around. I also recommend inserting new slides always at the end of your list, and link it appropriately, so that you don’t mess with the order of existing slides after adding the hyperlinks.

Rinse and repeat for every state and transition. Make sure you test the interactivity every once in a while to make sure the app behaves as you’d expect it to.

Before testing your presentation, you want to make sure that clicking anywhere on the slide doesn’t cause it to advance to the next one. To do this, select “Hyperlinks only” in the presentation settings in the inspector.

Click here to visit Keynotopia.

Step 5: Export and test

The most common format I use to test my presentation is PDF. From the file menu, choose export and then select PDF. The reason I like PDF is that I can email it to someone to test it and provide me feedback, or I can send it to my iPhone or iPad and tap through it (hyperlinks are preserved in PDF format). I use GoodReader on the iPhone and iPad to render the PDF.

If you’re feeling adventurous, you can add some slide transitions or magic moves to create interface animations. But remember not to get too distracted by these features. The goal is to show your idea quickly and be able to interact with it, not to make it do fancy stuff (you can always add the fancy stuff later, once you’re done with the basics).

Step 6: Share and iterate

Now that your prototype is done, it’s time to show it to people and see how they would use it and interact with it. Don’t be afraid that someone will copy your ideas, chances are they had many ideas before that they never acted on – may be they didn’t have a Keynotopia Prototyping Pack ;)

Your first prototype should never be the final one you’re going to implement. In fact, to get meaningful user feedback, you may need to test multiple prototypes and compare results. Users can provide you feedback on which prototype is better, much easier than they can tell you what’s good/bad with just one prototype.

The beauty of using this prototyping technique is that once you reach a prototype that you need to implement, you won’t need to write long requirements and specification documents. Just attach comments to different screens, and share it with your developers. Instead of reading long descriptions, they will be able to interact with it and read your comments and slide notes (Your comments and slide notes will not show in slideshow mode, so your application screens will not be obstructed by them).


Keyboard shortcuts

As you create more prototypes with keynote, it’s essential that you start customizing and using keyboard shortcuts – it will save you a lot of time. To customize keyboard shortcuts in Keynote, go to System Preferences –> Keyboard then click the Keyboard Shortcuts tab. Select Application Shortcuts, from the left panel, then click the + button at the bottom left of the right panel to add a new shortcut. Select Keynote as the application, then type the menu item name you’d like to create a shortcut for *exactly* as it appears in Keynote (In the example below, I am assigning a shortcut for Align->Left menu item, so I typed “Left” – it’s case sensitive.

Keyboard Shortcuts
Here are the keyboard shortcuts I use:

Menu Item Shortcut Purpose
Group CMD+G Group objects together to easily select and edit them as a unit.
Ungroup CMD+SHIFT+G Ungroup grouped objects – Pressing it multiple times will ungroup nested groups
Send Backward CMD+[ Place selected objects/groups behind others. The order of objects on the slide is defined by the order they were created.
Send to Back CMD+SHIFT+[ Place selected objects/groups behind everything else.
Bring Forward CMD+] Does the opposite of Send Backward
Bring to Front CMD+SHIFT+] I’ll give you three guesses
Lock CMD+L locking enables you to pin selected objects to the slide so that you can select and edit other objects without accidentally selecting or editing the locked ones.
Unlock CMD+SHIFT+L Unlock selected objects or groups. You will notice that locked objects, when selected, will have “x” markers around their edges, instead of the square marker that enables you to resize them.
Zoom In CMD+SHIFT+> This is the standard zoom in shortcut for all iWork apps. CMD++ is already reserved for increasing text size, which I use more frequently.
Zoom Out CMD+SHIFT+< Same
Fit in Window CMD+1 This shortcut is particularly useful if you’re working on a prototype with dimensions larger than the screen. For instance, I prototype iPad apps in portrait mode, and the 1024px height won’t fit on my 800px laptop screen.
Actual Size CMD+0 This will zoom into the actual size of the slides

Click here to visit Keynotopia.


iOS Dev Center

iOS Dev Center

Apple, con lo scopo di chiarire le idee ai developers e ascoltarne le richieste, ha pubblicato delle linee guida. (Engadget ha pubblicato in PDF tutte le linee guida, che trovate seguendo questo link).
Cupertino ha chiarito il procedimento di verifica delle applicazioni per App Store attraverso un breve comunicato stampa che annuncia i cambiamenti alla licenza iOS Developer Program.

App Store è ad oggi il più grande negozio online di applicazioni per piattaforme mobili (iPhone, iPad, iPod Touch), e conta piu’ di 250.000 titoli in catalogo e 6 miliardi e mezzo di download dichiarati dall’azienda

Le modifiche sostanziali alla licenza d’uso dell’SDK riguardano alcuni punti che al momento sono protetti dall’accordo di riservatezza NDA, e ammorbidiscono alcune limitazioni che riguardano gli strumenti di sviluppo di terze parti che permettevano di costruire applicazioni native per iPhone con tecnologie Flash, Silverlight, Java, e simili.

Fino alla pubblicazione di questo documento, gli sviluppatori iOS potevano lavorare esclusivamente sugli strumenti di programmazione approvati da Apple. Non esisteva alcuna possibilità di scrivere codice con il proprio ambiente preferito e poi renderlo compatibile con iPhone e iPad.
Da oggi gli sviluppatori potranno usare anche altri gli strumenti.

Molto interessante l’introduzione del Documento :

“< < Abbiamo piu di 250.000 applicazioni nell’App Store. Non abbiamo bisogno di altre “Fart Apps” (applicazioni che simulano i peti). Se la tua applicazione non fa qualcosa di interessante o garantisce una qualche forma di intrattenimento, potrebbe non essere accettata. Se la tua applicazione è stata assemblata in pochi giorni e stai cercando di fare un po’ di pratica sullo Store per impressionare i tuoi amici, preparati al rifiuto. Abbiamo molti sviluppatori seri che non vogliono che le loro applicazioni di qualità siano circondate da software amatoriali. Se le tua applicazione viene rifiutata, ci sarà un Review Board a cui potrai fare appello. >>”

Ricordiamo alcune regole importanti che troviamo in un’interessante post di Melabog:
Le applicazioni che scaricano codice in ogni modo o forma saranno rifiutate.
Le applicazioni che installano o lanciano altri eseguibili saranno rifiutate.
Le applicazioni che duplicano altre applicazioni già presenti sull’App Store potrebbero essere rifiutate, in particolare se ce ne sono molte simili.
Le applicazioni che navigano sul Web devono usare i framework WebKit di iOS.
Le applicazioni con metadata (nome, descrizione, keyword, …) contenenti il nome di ogni altra piattaforma mobile saranno rifiutate
Le applicazioni che utilizzano API location-based (quindi GPS) per il controllo automatico o autonomo di veicoli, AEROMOBILI o altri terminali verranno rifiutate.
Le applicazioni non possono addebitare un costo agli utenti per l’uso delle Push Notifications
Le applicazioni che si confondono con prodotti o campagne pubblicitarie Apple saranno rifiutate.
Le applicazioni che contengono errori di battitura dei nomi dei prodotti Apple, ad esempio GPS per Iphone o iTunz, saranno rifiutate.
Le applicazioni che utilizzano interfaccia utente che imiti l’interfaccia di qualsiasi iPod verranno rifiutate.
Le applicazioni che creano ambienti desktop/homescreen alternati o simulano widget multi-applicazione saranno rifiutati.
Le applicazioni che offrono contenuti o servizi a noleggio che scadono dopo un tempo limitato saranno rifiutate.
La comicità e la satira politica (a livello professionale) sono esentate dal divieto di commenti offensivi.
Le applicazioni che richiedono agli utenti di condividere informazioni personali, come indirizzo email e data di nascita, per funzionare saranno rifiutate.
Le applicazioni che forniscono contenuti generati dagli utenti che siano frequentemente pornografici (come ChatRoulette) verranno rifiutati.
Le applicazioni che includono la possibilità di fare donazioni verso organizzazioni di carità riconosciute devono essere gratuite.
La raccolta dei fondi deve essere effettuata tramite un sito web in Safari o tramite SMS.

Pochè iPad non supporta la tecnologia Flash non abbiamo pieno accesso al contenuto video di alcuni siti come ad esempio il  gettonatisiimo Megavideo.

Esiste comunque la possibilità di visionare sull’iPad , come sull’iPhone e iPod Touch,  numerosi Video, Film e serie Tv . La visione è possibile acquisendo alcune App molto valide direttamente su App Store:

1) Air Video

Air Video è una notevole applicazione presente su App Store in versione gratuita (Air Video Free) o a pagamento.

Questa app permette leggere i file presenti sul  Mac o PC (anche Dvix o Xvid) di vedere filmati in streaming  senza doverli trasferire sull’iPad . Utilizza le connessioni in rete wifi o internet.La codifica puo’ essere effettuata in tempo reale.
La qualità di riproduzione è ottima.

2) yxPlayer

Yxplayer è un interessante applicazione che permette lo streaming di contenuti sul nostro iPad senza dover per forza convertire i DviX in mp4.

3) Justin.tv

Questa applicazione permette di vedere la televisione in streaming. L’app e’ gratuita ed è disponibile su App Store.
Permette di vedere più di 1800 canali!

Qwiboo, la società che ha sviluppato il gioco Aqua Globs HD, denuncia di aver verificato che la sua applicazione è stata piratata da almeno il 50% degli utenti che inviano i loro punteggi.

Forse a causa della semplicità degli strumenti che permettono il cosidetto ” jailbreak” o “sbloccaggio dell’Ipad” che hanno avuto un ruolo fondamentale nell’aumento della pirateria,  alcuni sviluppatori sono  preoccupati.

Secondo lo sviluppatore Vladimir Roth, nonostante uno scenario non proprio rassicurante, non c’è da preoccuparsi della pirateria per il momento. Coloro che scaricano le .ipa dal Web, afferma, non le acquisterebbero comunque attraverso i canali ufficiali. Resta comunque un fenomeno sconcertante, anche e soprattutto se consideriamo che Aqua Globs HD costa appena 1,59€ e viene anche distribuito in una variante gratuita.

Ben diverso il discorso per il creatore di Rally Master Pro 3D il quale meno di un anno fa, sui forum di Touch Arcade, aveva dichiarato su iPhone un  tasso di pirateria del 95%. Al tempo sembra che il fenomeno era causato da 2 motivi principali, il costo  di 7 Dollari evidentemente alto, e l’assenza di una versione gratuita di prova.

Grazie ad una legge entrata in vigore negli Stati Uniti da pochi mesi, nello stato della California è stato possibile chiedere ad Apple di rimuovere centinaia di recensioni false o mendaci presenti in AppStore.

Questo, purtroppo, non è ancora fattibile in altri stati, e moltissimi AppStore sono pieni zeppi di commenti e recensioni cosruite ad hoc sia  per promuovere un’applicazione piuttosto che un’altra e sia per fare concorrenza sleale dando poche stelle ad un’applicazione che invece ne merita molte di piu’.

La legge Americana che ha permesso questo si basa sul principio di considerare equiparabili agli scritti su carta stampata tutto ciò che è pubblicato su un blog o su una recensione in formato elettronico.

iPhone 4g dual sim

Alcuni tra gli piu’ sprovveduti utilizzatori di telefonino  mi chiedono spesso come fare ad utilizzare due SIM sullo stesso telefono, poiche’ si stancano a disinserire e inserire ogni volta le sim card dei diversi operatori. Ora da alcuni articoli che si trovano in rete sembra sia possibile farlo anche su iPhone 4.
USBFever, un sito specializzato in accessori per cellulari, sembra avere la soluzione; NB:  personalmente non ho mai acquistato nulla in questo sito e quindi non posso garantire.

La soluzione per gli sprovveduti:
Si tratta infatti di una cover per iPhone 4, trasparente, alla quale è possibile collegare la doppia SIM da utilizzare poi sul melafonino.

Una volta inserita, sembra che dalle impostazioni del telefono possiamo scegliere quale delle due SIM utilizzare , quindi non è possibile farlo contemporaneamente dato che servirebbero 2 apparecchi telefonici per farlo. Quel che non ho compreso e’ se si necessita installare una qualche app o meno…

Il prezzo di questo accessorio è di 28,99 dollari americani.

Notiamo che forse la doppia SIM farebbe anche comodo..ma credo si tratti del solito aggeggio posticcio, sarebbe invece utile che qualcuno trovasse il modo di utilizzare due microsim in un sigolo  slot magari anche assottigliando le SIM.

Dopo aver venduto 2 milioni di iPad in 59 giorni, Apple mette a segno un nuovo record: 3 milioni di iPad venduti in 80 giorni.
Apple ha indovinato il prodotto e molti hanno preferito il Tablet di Steve Jobs al notebook o a i mini portatili , da questa’anno il mercato Pc vedrà dominare Apple in capacità di percezione di prodotto di qualità.

Apple lancerà ad agosto iPad in altri nove paesi.

App Store: ad oggi presenti piu’ di 11 mila le Web apps native per iPad oltre a tutte quelle per iPhone perfettamente compatibili.

Ecco cosa la rivista Time sta preparando per sbarcare su AppStore con una versione digitale del magazine ottimizzata per iPad.

Una grande differenza rispetto ai progetti lanciati dagli Editori italiani, che continuano a brancolare nel buio non affidandosi a professionisti smart e internazionali.

Sembra che il vero “Digital Divide” (wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Digital_divide), ovvero il divario esistente tra chi ha accesso effettivo alle tecnologie dell’informazione  e chi ne è escluso, in modo parziale o totale, sia la lingua. Sembra infatti che chi riesce a leggere l’Inglese abbia a disposizione prodotti editoriali d’avanguardia e contenuti ad altissimo valore, mentre chi conosce solamente l’italiano rimarra’ indietro e consultera’ solo il vecchiume tecnologico che i grandi giornalisti italiani (salvo eccezioni ovviamente) ci propinano.

Dal video dimostrativo si evince che con queste applicazione Time reinventa il modo di fruire dei magazine su iPad, sia dal punto di vista dell’interfaccia che per l’interattività dell’utente.

Time sarà a breve rilasciata su AppStore.

Demo di Time Magazine su Ipad

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.